Stampa Pagina

Ostetricia Integrata

Cos’è l’ostetricia integrata?

L’ostetricia integrata costituisce una branca fondamentale della medicina integrata. Si avvale di tutte le conoscenze della farmacologia chimica tradizionale, dell’omeopatia, dell’omotossicologia, della fitoterapia, della nutriterapia, della nutrigenomica, della nutrigenetica, della medicina estetica, per poter scegliere di volta in volta gli strumenti più adatti alla situazione della singola donna.

Perché è particolarmente utile in gravidanza e allattamento?

L’Istituto Frontis di Medicina del Benessere promuove questo tipo di approccio terapeutico da oltre 20 anni, anche mediante corsi per l’Educazione Continua in Medicina accreditati dal Ministero della salute, rivolti innanzitutto alle ostetriche, ma anche ai medici. I vantaggi di una tale complessa e moderna integrazione, in uso e costante studio presso il nostro centro già a partire dal 1995, sono sempre più’ evidenti.

L’ostetricia ha oggi assunto un ruolo fondamentale per il mantenimento del benessere della donna, dalla nascita, alla pubertà, gravidanza, allattamento, menopausa. Ma è  proprio nelle fasi della gravidanza e dell’allattamento che l’ostetricia integrata si rende non solo importante e vantaggiosa, ma indispensabile per il benessere non solo della donna, ma anche del feto e quindi a seguire del neonato.

Quali gli esempi?

La donna in gravidanza si trova di frequente a presentare disturbi apparentemente banali quali nausea, vomito, alterazioni del gusto che possono però diventare, soprattutto nei primi mesi, assolutamente fastidiosi  e invalidanti. I farmaci tradizionali normalmente prescritti risultano poco efficaci e non privi di effetti collaterali. L’omeopatia e la fitoterapia permettono viceversa di controllare tali sintomi senza effetti collaterali, nella maggioranza dei casi con ottimo successo.

Ma talvolta la donna in gravidanza entra in crisi anche per un banale mal di testa muscolo-tensivo, non potendo e non volendo assumere farmaci che potrebbero danneggiare anche minimamente il proprio bambino. In questo senso l’omeopatia e l’omotossicologia, grazie alla completa assenza di effetti collaterali per il feto, permettono a noi medici omeopati di restituire alla donna il proprio benessere, in completa serenità. La stessa cosa vale per le frequenti lombosciatalgie della seconda metà della gravidanza.

Una nutrizione corretta permette poi il mantenimento di una adeguata flora intestinale materna che permetterà al neonato di essere colonizzato da i giusti batteri durante il parto. In questa maniera si riduce notevolmente l’incidenza non soltanto delle coliche addominali dei primi mesi, ma anche  delle gastroenteriti neonatali.

Qual è il ruolo della genetica?

Più o meno tutti hanno sentito parlare del ruolo della genetica nell’individuare le alterazioni cromosomiche sul feto durante la gravidanza. Molto meno si conosce la possibilità di individuare le predisposizioni genetiche a malattie sicuramente meno gravi, ma comunque molto importanti sia per la mamma che per il nascituro.

Un esempio può essere il test genetico per valutare la resistenza insulinica che eseguiamo  sulle donne con familiarità per  il diabete. Questo esame assolutamente banale e indolore si può eseguire in previsione di una gravidanza, ma anche durante la gravidanza stessa. Esso ci permette di individuare subito le donne che potrebbero sviluppare il tanto temuto diabete gestazionale. Per loro potremo così elaborare un regime nutrizionale più adeguato, integratori specifici e un piano di controlli. Questo ci permetterà di evitare l’eccessivo sfruttamento del pancreas materno, ma anche e soprattutto importanti danni al feto come la macrosomia (eccessiva crescita fetale).

Perché parliamo di medicina estetica in gravidanza?

Il nostro istituto ha iniziato a parlare di medicina estetica in gravidanza da circa 15 anni, per rispondere a precise esigenze delle nostre pazienti e dei loro neonati, sensibilizzando ai problemi ad essa correlati le ostetriche partecipanti ai nostri corsi già dal 2001. Finalmente durante il convegno Nazionale dell’Associazione Ginecologi consultoriali svoltosi a Roma nei giorni scorsi si è riconosciuto come ben il 50% circa delle donne risultano insoddisfatte del proprio corpo durante e/o dopo la gravidanza e l’allattamento. Il supporto del medico estetico alla donna perché possa accettare modificazioni fisiologiche, talvolta solo temporanee, o sapere come  prevenirle o trattarle è fondamentale per la sua serenità. Ecco perché abbiamo deciso di informare le future mamme già durante i corsi di preparazione alla nascita.

La medicina estetica ci aiuta per esempio a valutare quali siano i rischi e i benefici del sole in gravidanza. In un momento delicato quale è la stessa, in cui aumentano le pigmentazioni cutanee si rende necessario un controllo videodermatoscopico dei nei  per la diagnosi precoce del melanoma.

Un altro esempio di ausilio della medicina estetica in gravidanza è la valutazione angiologica. il controllo di capillari, vene varicose ed emorroidi. La prescrizione di norme comportamentali adeguate, la contenzione elastica personalizzata e la possibilità di usare farmaci omeopatici anche nel periodo gestazionale, devono dare risposte precoci perché siano veramente efficaci nella prevenzione di danni materni. Una donna che anche in gravidanza si percepisce sana e bella sarà sicura di sé e trasmetterà serenità a tutta la famiglia.

Permalink link a questo articolo: http://www.frontis.it/ostetricia-integrata/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi