«

»

Mag 08

Stampa Articolo

Grasso o cellulite?

La domanda che spesso mi viene posta è : “ Dottoressa, ma il mio difetto è grasso o cellulite?”

Per poter distinguere con chiarezza l’adiposità localizzata dalla cellulite, è bene conoscere le peculiarità di questi due quadri clinici, che sono molto diversi tra loro, ma che spesso possono coesistere nelle stesse regioni corporee di un medesimo individuo. Il  loro trattamento coincide

non solo con la risoluzione di un problema estetico, ma soprattutto con un miglioramento dello stato di salute.

L’adiposità localizzata è caratterizzata da aumento in volume (ipertrofia) e in numero (iperplasia) degli adipociti, senza alterazione della composizione del grasso in essi contenuto, della struttura delle cellule e dell’ipoderma (pannicolo adiposo) e senza modificazioni della microcircolazione locale, ipodermica e dermica. Si tratta pertanto di un aumento localizzato di tessuto adiposo cosiddetto “sano”, senza edema, né dolore, né alterazioni cutanee, a differenza di quanto avviene nella cellulite.

La cellulite, o panniculopatia edemato-fibro-sclerotica (PEFS) non dipende dal peso corporeo, infatti può comparire anche in persone considerate magre, ma l’aumento di grasso o di adiposità ne enfatizza la presenza. Sebbene non sempre ci si trovi di fronte a quadri clinici impegnativi o gravi, si tratta di una vera e propria patologia. Il primum movens è determinato infatti dalle alterazioni degli scambi fra vasi e tessuti, con accumulo di liquido nello spazio fra le cellule (edema interstiziale), che il sistema linfatico non riesce a smaltire completamente.
A tale situazione fa seguito una risposta del connettivo (struttura di sostegno e scambio fra le cellule) che va incontro a fibrosclerosi. Si formano micronoduli, cioè gruppi di 30-100 adipociti incapsulati da fibre connettivali che confluiscono in seguito a formare noduli più grandi, palpabili e visibili ad occhio nudo (la cosiddetta cute a materasso).

La dolorabilità, molto soggettiva negli stadi iniziali, successivamente è presente non solo alla palpazione, ma anche spontaneamente.

Le cause della cellulite sono molteplici, infatti si riconoscono fattori predisponenti, legati alla razza, al sesso, al biotipo, alla familiarità, e fattori scatenanti, come le terapie ormonali, uno stile di vita inadeguato, alcool, fumo, diete disordinate, ecc.. Ma il fattore più rilevante è legato al ruolo svolto dagli ormoni sessuali femminili, gli estrogeni, che favoriscono la ritenzione idrica e il naturale deposito di cellule adipose in particolari zone del corpo femminile. Gli estrogeni influenzano anche la microcircolazione, il delicato meccanismo di scambio di liquidi nei tessuti, che è profondamente coinvolto nella genesi della cellulite.

Dopo un’ attenta e accurata visita medico estetica, il medico potrà indicarvi la strategia terapeutica adatta a risolvere il vostro problema. Tra le  nostre proposte  possiamo annoverare :

Dieta con  sistema WinFood

Mesoterapia con farmaci tradizionali / omeopatici / omotossicologici

I Phor elettroporazione

Cavitazione Ultra Sound Smart Shape (USS)

Dott.ssa Ilenia Balducci

Permalink link a questo articolo: http://www.frontis.it/grasso-o-cellulite/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi