Stampa Pagina

Angiologia

Permalink link a questo articolo: http://www.frontis.it/angiologia/

10 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. ANNA GAGGI

    ANGIOLOGIA .

    MI INTERESSA perchè ho una vena, nella gamba destra, evidente . Non ho dolori perchè vado in palestra, cammino e uso, d’inverno, calze adatte. D’estate ,però, si vede e quindi vorrei saper se con la metodologia TRAP SI OTTENGONO RISULTATI SIA ESTETICI CHE FUNZIONALI ABBASTANZA DURATURI NEL TEMPO.

    SONO anche interessata all I PHOR e alla luce pulsata ad alta intensità.

    saluti Anna Gaggi

  2. Direttore Sanitario

    A differenza di tecniche da tutti noi specialisti precedentemente usate, quali scleroterapia, laserterapia, chirurgia, la Terapia rigenerativa ambulatoriale progressiva (T.R.A.P.) permette un risultato non solo estetico, ma anche funzionale in quanto determina non l’occlusione del flusso nel vaso varicoso, bensì la riduzione del lume dello stesso con conseguente ripresa della continenza valvolare. Questo significa, in parole semplici, che il sangue non continuerà a ristagnare nella vena o capillare varicoso, ma ritornerà verso il cuore come fisiologicamente deve avvenire.
    In questa maniera le gambe risulteranno più leggere, sgonfie e naturalmente più belle. Il vaso infatti, una volta ripreso il suo volume originale, non sarà più evidente e tortuoso.
    Sebbene questa tecnica, ideata e insegnata dal Professor Sergio Capurro, sia relativamente giovane, la nostra esperienza oramai triennale ci permette di affermare che risultati si sono dimostrati ad oggi del tutto duraturi nel tempo in quanto il trattamento prevede la cura non soltanto delle vene o dei capillari evidenti in superficie, ma anche di eventuali vasi danneggiati in sede più profonda, evidenziati mediante il sistema della transilluminazione con luci di diverso colore, in modo del tutto esterno e quindi assolutamente indolore e non invasivo. Il suo ideatore ama infatti definire questa tecnica “fleboterapia tridimensionale” in quanto si propone l’obiettivo di curare tutte le vene dell’arto. Solo in questa maniera il risultato si mantiene stabile, evitando che eventuali vasi danneggiati più in profondità in comunicazione con i vasi superficiali trattati, possano determinare una riapertura di questi ultimi con recidiva del quadro estetico e funzionale precedenti al trattamento (cosa che purtroppo avveniva con una certa incidenza dopo trattamento scleroterapico e/o laserterapia).
    Naturalmente come ogni tecnica medica necessita di una preventiva diagnosi accurata mediante visita e doppler per il mappaggio della situazione venosa complessiva dell’arto e risente dell’esperienza e della capacità manuale dell’operatore. La collaborazione richiesta al paziente consiste essenzialmente nel portare con regolarità la calza compressiva per tutto il tempo indicato dal medico, ma risulta indispensabile per il successo della terapia. I risultati migliori si ottengono infatti applicando calze contenitive per un tempo fino anche di sei mesi a seconda delle dimensioni del vaso. Per questo motivo il mese di novembre costituisce il periodo più indicato per iniziare a prendersi cura delle proprie gambe.

  3. Vanessa

    Salve io mio incubo sono dei capillari a rete a rete esplosi soprattutto nel corso della mi seconda gravidanza ora spero voi possiate aiutarmi a farli sparire seriamente perché ho praticato sclerosanti e laser senza risultati e se la risposta è affermativa vorrei sapere dopo quanto aver smesso di allattare potrei iniziare (perché ovviamente è sconsigliar in allattamento ?!)e a chi mi devo rivolere.

    1. Segreteria

      Salve,
      certamente i diversi tipi di scleroterapia e il laser non sono le terapie più innovative per il trattamento dei capillari. La terapia rigenerativa ambulatoriale progressiva (T.R.A.P.) di cui può trovare la descrizione sul sito, costituisce attualmente la terapia di scelta per il trattamento di varici e capillari di ogni calibro. Ma eseguiamo una visita accurata e un esame doppler per poterLe dare più precise indicazioni sulle possibilità di successo nel suo specifico caso. Per quanto concerne l’allattamento, se i capillari sono emersi solo nell’ultima gravidanza conviene aspettare circa un mese prima di iniziare il trattamento (potrebbero regredire spontaneamente), se sono precedenti, si può iniziare anche subito.

  4. loredana

    Ho 45 anni e il mio problema sono i capillari agli arti inferiori. Dall’età di 20 anni mi sono sottoposta a diverse cure quali: sclerosanti e fleboterapia. Due anni fa a causa di un problema alla safena sono stata operata dal dott. Massimo Danese di Roma, all’Ospedale S. Giovanni, alla gamba sinistra, lo stesso resosi conto del mio inestetismo alle gambe mi aveva assicurata che dopo l’intervento mi avrebbe fatto sparire i miei odiati capillari con il laser ma non è stato così anzi le macchie e i capillari sono aumentati.
    Non so più cosa fare anche perché tutto ciò mi ha procurato tantissime spese senza nessun risultato.
    Sinceramente sono scoraggiata ma non vorrei mollare anche perché ho voglia ancora di mettermi una gonna. Vorrei sapere se c’è un metodo più efficace per eliminare questo inestetismo e quale ?
    Avete per caso uno studio anche a Palermo?
    Comunque sarei disposta a venire anche a Roma pur di risolvere il mio problema.
    Potrebbe indicare il nome del medico che esegue questo tipo di trattamento?
    Attendo un Suo riscontro e porgo cordiali saluti.

    Loredana

    1. Segreteria

      Gentilissima signora Loredana,
      lavorando da oltre 30 anni sull’insufficienza venosa e sulle varici di ogni grado, ritengo innanzitutto opportuno precisare che tali quadri costituiscono sintomi di una patologia di tipo cronico e quindi come tale deve essere sempre ricontrollata almeno una volta l’anno. Cio’ non toglie che le tecniche di trattamento oggi, se realizzate e scelte dopo una diagnosi estremamente accurata, se eseguite da persone seriamente competenti in materia, danno risultati estremamente soddisfacenti sia dal punto di vista medico che estetico. Per quanto concerne il nostro centro, siamo in grado di eseguire qualunque terapia accreditata per le varici di ogni dimensione e grado, dalla pressoterapia angiologica alla scleromousse, dalla mesoterapia con farmaci omeopatici e omotossicologici alla chirurgia, dall’elettroporazione alla terapia rigenerativa ambulatoriale progressiva etc. Ma quest’ultima e’ sicuramente quella che ci permette di riattivare al meglio la fisiologia del sistema venoso degli arti inferiori. Tuttavia nulla e’ per tutti. Se Le sara’ possibile, La invito a partecipare al corso sull’insufficienza venosa e le varici che si terra’ presso il nostro studio il 7 novembre p.v. Potrebbe essere l’occasione anche per imparare come curare personalmente la salute delle proprie gambe, comprendere cosa aspettarsi dalle terapie mediche e chirurgiche, riconoscere un professionista con esperienza da chi si improvvisa. Scegliera’ poi cosi’ a chi affidarsi con fiducia.
      Cordiali saluti

  5. Elisa

    Salve, ho la grande safena della gamba destra incontinente da più di 20 anni e dei capillari rotti sul viso.Ho 36 anni e ho progettato una gravidanza. Prima di tutto vorrei sapere se la TRAP può risolvere il mio problema e poi se è meglio aspettare dopo la gravidanza per iniziare il trattamento.

    Grazie in anticipo e cordiali saluti

    1. Segreteria

      Gentilissima Elisa,
      Per dire se la TRAP puo’ risolvere il suo problema e’ necessaria la visita dello specialista angiologo o chirurgo generale o vascolare e un esame doppler accurato. La TRAP e’ infatti una importantissima terapia innovativa, ma i suoi risultati dipendono strettamente dallo specialista che pone l’indicazione ed e’ capace di eseguirla al meglio, in particolare quando trattasi di incontinenza di una safena interna che, come ben si sa, puo’ essere di diverso grado. Dopo 7 anni di trattamenti di questo tipo anche sulle safene interne, possiamo senz’altro affermare che comunque la TRAP e’ anche in questi casi la prima terapia da considerare, sia per la scarsa invasivita’ che per il successo sul ripristino della funzionalita’ venosa.
      Per quanto concerne la gravidanza, e’ chiaro che l’ottimale sarebbe stato trattare prima la safena e poi intraprenderla. Ma se desidera avere un bambino il prima possibile, sono comunque necessari una visita specialistica e un esame doppler aggiornato per stabilire la giusta elastocompressione e una terapia per prevenire le complicanze, nel suo caso più frequenti durante la gravidanza.

  6. Francesca

    Salve, sono una ragazza di 20 anni e ho le gambe piene di vene e capillari. Per questo motivo odio mettere le mie gambe in mostra soprattutto d’estate, ed essendo così giovane ciò mi rende insicura e non mi sento a mio agio con me stessa. Vorrei sapere maggiori informazioni riguardo ai costi della TRAP se è possibile. Grazie in anticipo!

    1. Segreteria

      Gent.ma Francesca,
      il costo di ciascuna seduta ha un significato relativo perché bisogna invece valutare con la visita e l’esame doppler quante sedute possono essere necessarie. Inoltre il numero di sedute è anche dettato da quante fiale di farmaco il medico utilizzi in ciascuna seduta. Noi adoperiamo il massimo del farmaco utilizzabile per evitare perdite di tempo e ottenere risultati in tempi adeguati.
      Il costo per seduta nell’ Istituto Frontis è di 120 euro, ma abbiamo poi un tariffario ridotto per gli studenti fino a 24 anni nel quale forse Lei potrebbe rientrare.
      Nella speranza di essere stata esauriente, saluto cordialmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi