«

»

Mar 27

Stampa Articolo

Allergie: come fare per non rimanere senza respiro?

Il 40 % degli italiani soffre di allergie primaverili; 1 bambino su 3 soffre di allergie; causa scatenante la comparsa dei primi pollini. Secondo un’indagine dell’Anifa (Associazione Nazionale dell’Industria Farmaceutica dell’automedicazione) la fioritura delle piante rende la primavera la stagione dei raffreddori.

Quali sono i sintomi più frequenti?
1. Rinorrea acquosa
2. Congestione nasale
3. Bruciore e arrossamento delle congiuntive
4. Lacrimazione
5. Starnuti isolati o a salve
6. Prurito al palato, al naso e agli occhi
7. Tosse secca e stizzosa, spesso notturna, accompagnata da difficoltà di respiro e dai caratteristici sibili intratoracici propri dell’asma bronchiale
8. Riduzione dell’olfatto e del gusto
9. Insonnia, stanchezza, irrequietezza
10. Difficoltà di respiro e asma (nel 40% dei casi).

 

 Quali consigli per ridurre le crisi allergiche stagionali?

  1. Evitare di uscire durante le giornate secche e ventose, quando  è più alta la concentrazione di pollini;
  2. Evitare l’aerazione degli ambienti durante le ore più calde della giornata ed eventualmente usare condizionatori d’aria;
  3. Fare la doccia e lavare i capelli quotidianamente. I granuli pollinici spesso rimangono intrappolati tra i capelli e la notte possono depositarsi sul cuscino, venendo così inalati;
  4. Evitare di uscire subito dopo un temporale: l’acqua rompe i granuli pollinici in frammenti più piccoli che raggiungono facilmente le vie aeree e in maggiore profondità;
  5. Usare appropriate mascherine durante i lavori all’aperto;
  6. Evitare i viaggi in macchina od in treno con i finestrini aperti. Quando possibile è preferibile viaggiare in autoveicoli con aria condizionata e filtri di aerazione anti-polline da pulire spesso.
  7. Indossare un nuovo paio di scarpe quando si rientra a casa, e riporre le altre in un armadio in modo che non trasportino in giro le particelle allergizzanti.
  8. Lavare spesso i pavimenti
  9. Tappeti, moquette, tappezzerie e tendaggi sono arredamenti rischiosi per gli allergici: lì si depositano pollini e polveri difficili da rimuovere.

 

Quali le nuove possibilità terapeutiche?

  • La dieta ipostaminica riduce l’intensità delle crisi allergiche
  • L’omeopatia in mani esperte ha dato da molti anni i suoi risultati.
  • I farmaci ultra low dose riducono l’istamina senza effetti collaterali
  • Alcuni ceppi specifici di probiotici stanno dando risultati stupefacenti.

 

Per saperne di più:

OPEN DAY 8 APRILE

  • Consulenze gratuite su appuntamento

open-day-allergie

Permalink link a questo articolo: http://www.frontis.it/allergie-come-fare-per-non-rimanere-senza-respiro/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi